Transizione 5.0: agevolazioni fino al 40% per green e digitale

Transizione 5.0 - Artemide

In uscita il nuovo piano per la transizione green delle aziende e per la formazione del personale

Entro gennaio 2024 sarà pubblicato il nuovo decreto che darà attuazione agli obiettivi Pnrr per la transizione green. A disposizione 13 miliardi per il biennio 2024-2025.

Si tratterà di un credito d’imposta commisurato alle spese sostenute tra il 1º gennaio 2024 e il 31 dicembre 2025 in:

  • attività digitali (beni strumentali materiali 4.0 e beni strumentali immateriali 4.0)
  • attività necessarie all’autoproduzione e all’autoconsumo di energia da fonti rinnovabili (esclusa la biomassa)
  • attività di formazione del personale per l’acquisizione di competenze per la transizione verde.

Rispetto al precedente piano 4.0 si aggiunge il requisito necessario del risparmio energetico di almeno il 3% per impresa o del 5% per il processo produttivo interessato.

Il Piano 5.0 incentiverà:

  • l’adozione di tecnologie come l’intelligenza artificiale, il cloud computing, l’internet delle cose, la robotica, il blockchain che consentono di migliorare efficienza, qualità e competitività dei processi produttivi;
  • il passaggio da un modello di sviluppo lineare e basato su combustibili fossili a uno circolare basato su fonti rinnovabili, che valorizzi il riciclo, il riuso, la rigenerazione di risorse.

Agevolazioni concedibili

Saranno previste aliquote in base al livello di maggiore efficienza raggiunto, fino a un massimo del 40%. Il tetto massimo agevolabile passerà dagli attuali 20 a 50 milioni di euro.

Fino a un massimo del 10% dell’investimento agevolabile si dovranno includere investimenti in formazione per l’utilizzo delle nuove macchine.
Tra gli investimenti agevolabili sono inclusi anche quelli per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili destinata all’autoconsumo. Il Piano agevolerà con maggiore intensità gli investimenti in impianti di prima classe (secondo il registro che Enea istituirà in accordo con il recente decreto Energia).

Modalità di accesso alla misura

Si è in attesa del decreto attuativo che definirà ulteriori dettagli e modalità e tempi di presentazione delle domande.

I nostri consulenti sono a disposizione per verificare i requisiti, calcolare i benefici ottenibili e assistere le aziende nella presentazione dei progetti.

Per informazioni, contatta i nostri consulenti: clicca qui
Print Friendly, PDF & Email