Crisi Ucraina: fino a 400mila euro per le imprese danneggiate dalla guerra

Mise Ucraina Artemide

Contributi a fondo perduto per le aziende che hanno subito gli effetti della guerra in Ucraina in termini di calo del fatturato e di aumento dei costi delle materie prime

Il Mise mette a disposizione 120 milioni di euro per sostenere le imprese italiane danneggiate dalla attuale crisi economica a causa dei mancati ricavi dovuti alla contrazione della domanda, all’interruzione di contratti e progetti già avviati e all’aumento dei costi delle materie prime.

Beneficiari

Possono beneficiare dei contributi le imprese italiane che:

  • negli ultimi due bilanci depositati almeno il 20% del fatturato è collegato ad operazioni commerciali in Ucraina, Russia e Bielorussia, compreso l’approvvigionamento di materie prime e semilavorati;
  • nel corso dell’ultimo trimestre hanno subìto un calo di fatturato di almeno il 30% rispetto al corrispondente periodo del 2019 (per le aziende costituite successivamente al 1° gennaio 2020 il confronto sarà con il 2021).

Intensità del contributo

Le imprese beneficiarie potranno ricevere un contributo a fondo perduto fino a 400mila euro.

Modalità di accesso ai contributi

Le domande potranno essere presentate non appena il decreto sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Sono a disposizione 120 milioni per l’anno 2022.

I nostri consulenti sono a disposizione per verificare i requisiti, calcolare i benefici ottenibili e assistere le aziende nella rendicontazione.

Per informazioni, contatta i nostri consulenti: clicca qui
Print Friendly, PDF & Email